Venezia, dipinge in piazza San Marco: allontanato, ma... è un noto pittore inglese

Fondazione Amedeo Modigliani

Venezia, dipinge in piazza San Marco: allontanato, ma... è un noto pittore inglese

Ken Howard, 86 anni, è un artista di fama internazionale. Il commento della moglie: "Assurdo"

venezia Era intento a dipingere in piazza San Marco, sotto l’ala napoleonica delle Procuratie, quando i vigili gli hanno ordinato di allontanarsi perché non autorizzato. Non si tratta di un cittadino qualsiasi, bensì di Ken Howard, un pittore inglese di fama internazionale che da ben 50 anni si reca a Venezia armato di cavalletto, pennello e passione per immortalare la bellezza della città. "Mio marito ha 86 anni, per lui è una fatica smontare cavalletto e attrezzatura. Ci è rimasto molto male - ha dichiarato a La Nuova Venezia Dora Bertolutti, la moglie di Howard - In tanti anni non gli era mai successa una cosa di questo tipo". La notizia si è subito sparsa sui social suscitando l’indignazione degli utenti.
Il pittore - Accademico reale dal ’93 e ufficiale dell’Impero Britannico dal 2010, Ken Howard è uno dei più importanti pittori contemporanei inglesi. Fino al 2003 è stato presidente del New English Art Club, fa inoltre parte del Royal Institute of oil painters e della Royal Society of British Artists, di cui è membro onorario.
Howard e la moglie si recano spesso a Venezia: hanno una casa in città, quindi ormai in tanti riconoscono il pittore. Sabato 25 agosto, l’artista ha deciso di uscire per dipingere la sua visuale preferita della piazza: basilica sullo sfondo e campanile a destra. Dopo pochi minuti, però, sono arrivati i vigili: "Sono intervenuti e gli hanno detto che lì non poteva stare. Ha cercato di resistere, di spiegare le sue ragioni ma non c’è stato verso. L’hanno fatto alzare", ha spiegato la moglie. Howard ha dovuto poi lasciare la sua mattonella preferita per dipingere. "Non era affatto contento - ha concluso Dora - Finora non c’erano mai stati problemi di questo tipo. Non so se siano regole per la sicurezza o per cos’altro. Certo è che adesso è cambiata la musica".

© tgcom 24

Fondazione Amedeo Modigliani

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

Fondazione Amedeo Modigliani